L’importanza dell’haircare per i nostri capelli è fondamentale, scopriamo insieme come!
Maggio 2022
Atelier Hair Couture

Negli ultimi anni, la cultura per la skincare è diventata una buona abitudine e molti hanno ormai inserito nella propria routine di bellezza anche sieri, acidi, maschere e scrub. Avere una skincare routine valida rende la pelle radiosa, fresca e ringiovanita.

Anche i capelli, come la pelle, necessitano di prodotti adatti a ogni esigenza e per avere una chioma bella, in salute e lucente è importante prendersene cura e prestare le stesse attenzioni che mettiamo per il viso. Il segreto è avere una haircare routine studiata su noi stessi step by step.

STEP 1 – ESFOLIA

La cute ha bisogno di essere purificata. È importante eseguire uno scrub almeno una volta ogni 2 settimane, in modo da eliminare completamente le cellule morte e riequilibrare l’attività secretiva e cellulare. Se hai la cute grassa, questo step è fondamentale per riequilibrare la produzione di sebo e purificare ogni follicolo pilifero.

Scegli un prodotto che non alteri il mantello idrolipidico e non secchi la cute; noi ti consigliamo il prodotto “a” della linea Younic, che tratta le anomalie cutanee in modo delicato ed efficace e funge da semplice scrub per la cute in condizioni normali.

STEP 2 – DETERGI

La scelta dello shampoo è fondamentale, ma lo è ancora di più come eseguirlo. Spesso capita che il prodotto sia quello giusto per le esigenze del tipo di capello, ma non risulti performante per il modo in cui viene fatto lo shampoo. Devi sapere che in questa fase ti devi concentrare sulla cute.



Ricorda: non stai lavando i capelli bensì la cute, quindi evita di strofinarli tra le mani perché le lunghezze si laveranno di conseguenza.



Dosa il prodotto con la giusta quantità poiché l’eccesso rende la detersione meno efficace (e smetti di pensare che avere più schiuma significa più pulito). Per il primo shampoo basta una noce. Distribuisci il prodotto sulla cute e con movimenti circolari dei polpastrelli, esegui un massaggio su tutta l’area.

Se non lavi i capelli da qualche giorno è molto probabile che il primo shampoo non faccia molta schiuma, non preoccuparti e continua a massaggiare senza aggiungere ulteriore prodotto. In questo caso sarà necessario eseguire un secondo shampoo, vedrai che se hai eseguito bene il primo la quantità di prodotto necessaria sarà minore e otterrai più schiuma.

Se non esegui bene questa parte avrai come risultato capelli pesanti e/o unti e anche se il prodotto è giusto per le tue esigenze, penserai di star utilizzando quello sbagliato.

Se hai capelli grassi evita di lavarli continuamente e di utilizzare shampoo commerciali per capelli grassi: sono i tuoi peggior nemici. Nell’immediato avrai la sensazione di una cute purificata, quasi arida, ma in realtà sono deleteri per il tuo problema: la funzione del sebo è idratare e facendo così ne stimolerai ancora di più la produzione.

È quindi importante che il tuo shampoo non alteri in modo così drastico il mantello idrolipidico. Ricorda inoltre che le ghiandole sebacee sono controllate dagli ormoni, uno shampoo può tenere sotto controllo il problema ma non potrà mai risolverlo: cerca di capire l’origine del problema.   

Per aiutarti a scegliere quale shampoo è più adatto alle tue esigenze di haircare, abbiamo in store una ventina di referenze 😉

STEP 3 – IDRATA

Dopo uno shampoo la carica elettrostatica rimane alterata, è importante quindi ripristinarla attraverso l’utilizzo di un conditioner. Scegli un prodotto che idrati le lunghezze con il giusto apporto di nutrimento in base al tipo di capello.

Affinché il prodotto non risulti pesante è davvero importante risciacquarlo accuratamente. Ancora una volta: il prodotto giusto può sembrarti sbagliato se non utilizzato nella maniera corretta. Vivi il conditioner come se fosse la crema giorno della tua skin-care.

Anche i capelli, come la pelle, ogni tanto necessitano di un’idratazione maggiore. È quindi importante inserire nella tua haircare un appuntamento periodico con una maschera, magari tenuta per qualche minuto in posa o con un trattamento di ricostruzione specifico.

Per aiutarti a scegliere il conditioner adatto a te, abbiamo in store molte referenze. Visita la nostra sezione dedicata ai trattamenti e scopri come prenderti cura al meglio dei tuoi capelli.



STEP 4 – PROTEGGI

Quando esponi la pelle al sole utilizzi una crema protettiva, prova a pensare che i tuoi capelli sono esposti costantemente al calore del phon. È importante quindi scegliere un prodotto che li protegga da tutti gli strumenti di calore, per preservarne l’integrità e mantenere una cuticola sana (è lei la responsabile della lucentezza dei tuoi capelli!).

Se la chioma ha bisogno di un’idratazione leggera, e l’utilizzo di un conditioner risulta troppo nutriente, potresti abbinare un prodotto idratante e termo protettivo. In questo caso Redken One United 25 potrebbe essere il prodotto giusto per le tue esigenze.

STEP 5 – RIDEFINISCI

Dopo l’asciugatura i capelli potrebbero richiedere un po’ di idratazione sulle punte, che sono la parte più secca e bisognosa di nutrimento. Scegli un buon olio, che chiuda bene le squame e apporti nutrimento e lucentezza.

In store abbiamo anche prodotti ideali per continuare a idratare le punte anche i giorni successivi all’asciugatura senza appesantire.

Se desideri una consulenza sulla tua haircare routine studiata sulle tue esigenze, chiedi al tuo hairstylist quando sei in store oppure contattaci per avere informazioni qui!

Valorizzare il nostro viso con il giusto taglio di capelli ispirato a noi stesse, alle nostre caratteristiche e peculiarità
Marzo 2022
Atelier Hair Couture

Spesso tendiamo a imitare o a ispirarci al look di una celebrity, anche per il taglio di capelli. A noi hairstylist capita di frequente che ci venga chiesto di eseguire il taglio portato da qualcun altro. Come mai, invece, non ci ispiriamo a noi stessi per la scelta del taglio di capelli? Perché non prendere in considerazione le nostre caratteristiche in modo da scegliere forme e tagli in grado di valorizzarci davvero? Il “facial shape” ci viene in aiuto proprio in questo, indicando le regole da seguire per ogni forma del viso.

Il viso più armonioso e simmetrico, dalle misure ideali, è quello ovale. Se hai questa forma il tuo viso somiglierà a quello di Monica Bellucci e potrai spaziare tra stili e lunghezze. Al fine di non perdere l’armonia è sempre meglio non eccedere in chiome troppe lunghe, che nascondono i lineamenti, ed evitare tagli troppo corti per non sproporzionare il volume della mandibola.

Sono invece valorizzanti tagli di media lunghezza, dal pixie bob al long bob, con linee morbide in grado di ricalcare l’armonia del volto. In quanto a frangia, invece, il viso ovale può spaziare in lunghezze e texture. Nel caso in cui la fronte sia più sporgente del mento, è bene evitare frange troppo piene e gonfie che rischiano di sproporzionare ulteriormente il profilo. Questa regola vale per tutte le forme del viso.

Il viso allungato è una forma più assottigliata rispetto all’ovale e si sviluppa in lunghezza, come quello di  Sara Jessica Parker. Per bilanciare è bene dare volume ai lati del viso e smorzarlo in cima alla testa, evitate quindi i tagli troppo corti o troppo sfilati. Una frangia o un ciuffo laterale sono in grado di riequilibrare le proporzioni di una fronte troppo spaziosa.

È preferibile una piega mossa piuttosto che liscia, per non verticalizzare ulteriormente il viso. Evitate orecchini lunghi, perché enfatizzano troppo l’eccessiva lunghezza del volto.

Se hai un viso quadrato, come quello di Angelina Jolie, la tua forma sarà piuttosto corta in lunghezza e con la mandibola accentuata. Per allungare la struttura è bene scegliere tagli che diano volume nella parte superiore e assottiglino il contorno del viso. La texture dovrà essere leggera e movimentata in modo da addolcire i lineamenti.

Il taglio perfetto è lungo, ondulato e sfilato. Evitate tutte le forme troppo geometriche e piene, i tagli corti, la texture liscia e la riga centrale. Via libera invece a frange lunghe e sfilate o a un ciuffo laterale. Per ammorbidire i lineamenti giocate con il make-up: con una terra potete scurire le zone prominenti del viso come mascella, osso zigomatico e tempie.

Nel viso tondo, larghezza e lunghezza hanno misure simili e Cameron Diaz ne sa qualcosa. In questo caso il taglio di capelli, per essere valorizzante, deve donare volume in cima alla testa ed essere leggero così da assottigliare la figura. Sono da evitare le forme troppo piene o che seguono la rotondità del viso come il bob.

La riga portata di lato è in grado di verticalizzare il volto, così come una piega liscia. Meglio evitare pieghe troppo a boccolo e gonfie. Scegli orecchini lunghi che sfinano i lineamenti.

Se hai un viso a diamante i tuoi zigomi sono molto pronunciati e i lineamenti piuttosto spigolosi, il mento tende ad assottigliarsi e la fronte non è molto ampia. La forma del tuo viso somiglierà a quella di Sabrina Ferilli. Il taglio più adatto è una lunghezza media che dona volume nella parte inferiore del viso.

È bene evitare tagli troppo corti o con molto volume alla radice, perché darebbero ancora più risalto alla parte superiore del volto rendendo il mento più sfuggente. Scegliere linee che incornicino sempre il viso. Le sopracciglia dovranno avere una linea morbida, ma piuttosto arcuate o ad ali di gabbiano per contrastare la rigidità del volto.

Nel viso a cuore c’è molto volume nella parte superiore del volto e meno in quella inferiore. Differisce dal viso a triangolo inverso, come quello di Victoria Beckham, perché è più tondeggiante. Il primo va quindi verticalizzato, ma per entrambi è bene scegliere tagli che non diano troppo volume nella parte superiore rimanendo troppo vuoti in quella inferiore. Evitare quindi tagli eccessivamente corti e non lasciare mai il volto senza ciocche che cadono sul laterale.

La scelta migliore è un taglio di media lunghezza dalle punte non troppo svuotate, come un long bob. Con il viso a cuore anche una texture liscia può essere una buona idea per verticalizzare il volto. Sono bandite le frange piene e rigide, via libera invece a ciuffi leggeri o a una “curtain bang”.  Per riempire il volto nella parte inferiore si possono indossare orecchini tipo chandelier.

Se hai una mascella predominante, una fronte poco imponente e la zona delle tempie si stringe allora la tua facial shape sarà a triangolo, come quella di Kelly Osbourne. Il taglio ideale deve riproporzionare il viso dando volume sulla parte alta del volto senza toglierlo ai lati, vicino alle tempie. L’ideale è una scalatura dalle lunghezze alleggerite e voluminosa sulla parte alta, magari con qualche ciocca che accarezza le mascelle.

I tagli corti è bene che abbiano il laterale morbido e sfilato, evitare quindi i pixie cut troppo mascolini. Anche un caschetto può essere preso in considerazione. Una frangia, magari piena, tondeggiante e lunga o dei ciuffi portati di lato, sono una buona idea per donare armonia. È bene evitare scolli troppo larghi e orizzontali come quello a barca.

Vuoi approfondire meglio e ricevere una consulenza personalizzata dai nostri hairstylist?

Contattaci e fissa un appuntamento qui!

Le tendenze dell’hairstyle 2022 sono un cabaret di tagli e colori tra cui poter scegliere per esprimere al meglio la propria personalità
Gennaio 2022
Atelier Hair Couture

La vera protagonista di inizio anno è la frangia curtain bang. Un trend ereditato dal 2021, ma che entra a pieno titolo nelle tendenze 2022.

Si ispira all’iconica acconciatura alla Brigitte Bardot e la particolarità di questa frangia, lunga e sfilata, è la sua capacità di armonizzare qualsiasi forma del viso; dal più squadrato al più allungato.

Si sposa bene anche con varie lunghezze di taglio. In caso di capelli lunghi, però, è meglio tenerla disconnessa dal resto del taglio, evitando così l’effetto anni ’90 di una scalatura troppo accentuata sul viso.

Si confermano protagonisti, diventando iconici di quest’epoca, i tagli a lunghezza media pieni e corposi come il classico bob e il long bob.

Con entrambe le forme si può giocare con la texture: liscia che enfatizza la pienezza dei perimetri, oppure mossa con un blow dry a onde naturali e appena accennate.

Se la piega è home-made utilizza un ferro di una dimensione non troppo piccola per evitare l’effetto boccolo.

Nel periodo estivo l’ideale è destrutturare un po’ le forme e il caschetto diventa “shaggy”. Il taglio deve essere movimentato per esaltare il mosso naturale.

Per chi ha i capelli ricci la forma tenderà a smussare il perimetro troppo pieno di un bob, lasciando spazio a una forma leggermente più ovale in grado di incorniciare il viso ed evitare l’effetto “campana”.

Chi ama i tagli corti è già dotata di estrema personalità, la stessa che la guida nella scelta del proprio look che spazia oltre le tendenze. Il pixie è intramontabile e un evergreen.

Per chi ha voglia di corto ma senza eccedere, il taglio “lop” è in piena regola un trend del 2022.

È una via di mezzo fra un taglio corto e un bob, una linea semplice ma di impatto che unisce la personalità di un pixie cut e la femminilità di un bob.

Può essere portato con una frangia che dona alla linea pienezza e corpo, oppure con un ciuffo lungo in grado di addolcire il volto.

Il mullet è stato un protagonista del 2021 e la sua fama si trascina fino al 2022.

La forma diventa più portabile e morbida, la disconnessione tra le lunghezze diverse diventa meno accentuata.

Nel nuovo anno tornano protagoniste le extension, in grado di donare volume e corposità ai capelli lunghi.

Il periodo di lockdown ci ha insegnato a prenderci più cura di noi e l’hair-care è diventata un’abitudine sempre più radicata; chi ama le lunghezze sa l’importanza di utilizzare i prodotti giusti per la salute dei capelli.

Le chiome lunghe devono avere la principale caratteristica di essere sane, ma soprattutto lucide.

I biondi chiari si scaldano, senza mai eccedere in tonalità troppo giallastre. È arrivato il momento di salutare le tonalità troppo fredde e silver. I biondi diventano burrosi e sabbiati.

Se parliamo di schiariture è bene sapere l’effetto shatush, con la base scura e le punte molto più chiare, lascia spazio a effetti più omogenei e naturali in un gioco di chiari e scuri che si mescolano su tutte le lunghezze.

I castani saranno intensi e ricchi di pigmento come le tonalità calde del moka o dell’ambra, oppure dai toni più freddi ma sempre vivi come il midnight ash.

Per chi se lo può permettere (l’Armocromia ci viene in soccorso) anche un castano scuro e pieno ma soprattutto lucido, è di tendenza.

Vuoi approfondire meglio e ricevere una consulenza personalizzata dai nostri hairstylist?

Contattaci e fissa un appuntamento qui!